domenica, maggio 28, 2017
Home > Blog > Natale e natale

Natale e natale

Vivere in contraddizione con la propria ragione è la morale più intollerabile.
(Lev Tolstoj)

Qualcuno dirà che è folle parlare di Natale, di luci, di regali, di nascita, quando non molto lontano da qui si muore in diretta tv.
Compriamo i regali ai nostri figli, sapendo che tra un mese li lasceranno in un angolo della loro cameretta, perché nel frattempo la loro attenzione sarà catturata dalla novità del momento. Intanto, ad Aleppo, i bambini sognano di svegliarsi e di avere ancora accanto la mamma e il papà. Le immagini della devastazione in Siria sono sotto gli occhi di tutti, bisogna essere completamente disinteressati a ciò che accade oltre il proprio naso per non sapere che è in atto la violazione incontrollata dei diritti umani.
E allora perché parliamo di festa, quando centinaia di sfollati del centro Italia passeranno il Natale nelle tende? Perché andiamo in escandescenze se dimentichiamo il cellulare a casa, quando tanta gente non ha più una casa dove tornare?
Durante le festività natalizie finiscono nella spazzatura 1 miliardo e seicentomila euro di cibo e nel mondo milioni di persone muoiono di fame. Basterebbe questo dato a farci vergognare, ma invece preferiamo fare le battaglie contro l’olio di palma. Naturalmente, seduti comodamente al computer o digitando dall’ ultimo modello di iPhone.
Questa è la nostra condanna: convivere con le numerose contraddizioni del mondo moderno e, nonostante tutto, provare ad avere ancora fiducia nell’uomo, senza smettere di combattere per cercare di cambiare, nel nostro piccolo, la società in cui viviamo.

Maria Iniziato